Trofeo Enduro Husqvarna: le sorprese di Anghiari

sel MDT_WEB__87I4014

selMDT_WEB__87I1477

sel MDT_WEB_87I1336

sel MDT_WEB__87I2893

sel MDT_WEB__87I1391

MDT_WEB__87I4849

sel P9640965

Sole al posto della pioggia e la gara di Anghiari si trasforma in festa! Sold out di iscritti, emozioni e sorrisi hanno caratterizzato il weekend di Husqvarna. Importanti cambi ai vertici di alcune classi e tutti i titoli ancora da assegnare

Con la terza tappa, disputata ad Anghiari (AR) domenica 4 ottobre, il Trofeo Enduro Husqvarna supera il giro di boa e si avvia verso il gran finale previsto tra due settimane a Castellarano. Una stagione che sembrava compromessa si è invece svolta alla grande con un calendario compatto ma ricco di gare vere e capaci di attirare tantissimi piloti.

Ne è stata dimostrazione proprio la gara di Anghiari, sulle colline toscane in provincia di Arezzo. Complice la giornata virata al bello dopo la abbondante pioggia caduta fino alla notte di sabato, il terreno si è presentato in condizioni ideali per l’Enduro. L’organizzazione impeccabile da parte del Moto Club Adventures e la supervisione del track inspector Arnaldo Nicoli hanno regalato ai tanti partenti una gara memorabile, con due prove speciali scorrevoli ma tecniche per ciascuno dei tre giri. Il Cross Test, con il fondo reso gommoso dalla pioggia e l’Enduro Test con una linea molto veloce hanno retto per tutta la giornata, nonostante un breve rovescio durante il terzo giro abbia temporaneamente rubato la scena al sole.

Ancor più apprezzata nelle mutevoli condizioni l’assistenza WP, con il corner attivissimo per tutto il weekend per far fronte alle numerose richieste di regolazione e personalizzazione delle sospensioni delle Husqvarna in gara.

Venendo ai risultati, la Top Class è andata ad Andrea Bassi che ha regalato la prima sorpresa di giornata, riaprendo la lotta con Lorenzo Pastore e Matteo Sordo; la 125 è andata ad Alessandro Tosana che si porta in testa al campionato primeggiando anche tra gli under 18, mentre restano incerte la 250 2T, andata stavolta a Leonardo Lucarini su Tommaso Gabrielli, e la 300 dove Alfio Chioda ha stavolta avuto la meglio su Mattia Dodi imponendosi così anche tra gli over 40. Tra i 4T la 250 va stavolta a Maicol Parini e la 450 a Daryl Santi, ma resta aperta la lotta a tre con Alessandro Pozzi e Stefano Dogliotti. Massimo Gioia ha vinto la classe Veteran, mentre tra gli ospiti si sono imposti Alessio Paoli (Ospiti TC), Tommaso Chiaverini (Ospiti 2T) e Omar Chiatti (Ospiti 4T); all’inossidabile Flavio Petrogalli è andata la Over 45.

Tra le classi disputate su due giri di gara, la Iron è andata a Fabio Stragliotto, la Super Iron a Ennio Bini, la Dual Sport a Guido Ciabatti e la Vintage ad Antonio Giordano, mentre la Legends è di Maurizio Campanozzi e la classe Lady di Amanda Pirani. Per quanto riguarda i concessionari l’ha spuntata Gabrielli Moto, di misura su Osellini.

Tra conferme e sovvertimenti di classifica, la gara finale sarà insomma decisiva per tutti, anche in virtù dei 5 punti di bonus a chi ha partecipato a tutte le prove in calendario, che potrebbero spostare ulteriormente gli equilibri. Le classifiche e un’ampia gallery fotografica sono disponibili sul sito del Trofeo: www.trofeoendurohusqvarna.com.

Sempre sul sito è possibile trovare tutte le informazioni sull’ultimo appuntamento stagionale, il 25 ottobre a Castellarano (RE) con la gara organizzata dal locale Motoclub. La concessionaria di zona Motormix sarà presente all’interno del Village Husqvarna con una esposizione della gamma offroad 2021.